348 – Luigi Biagiotti

“Dipinti”

 

Dal 1 al 18 Dicembre 2002

Orario: Feriali: 21/23; Festivi: 10,30/12,30 – 17/19 (chiuso lun.)

La coerenza di Biagiotti

Luigi Biagiotti si porta dietro una tradizione ricca di suggestioni storiografiche e culturali, una tradizione che affonda le radici sia nella feconda stagione del neorealismo, vitale nell’Italia del secondo dopoguerra, sia in quella sorta di laboratorio fra Firenze e Sesto Fiorentino che vide riuniti – in un comune impegno civile e morale – artisti come Fernando Farulli, Piero Tredici, Giuliano Pini, Salvatore Cipolla, Natale Filannino e Midollini nel sodalizio de “La Soffitta”.
I dipinti di Biagiotti portano le tracce di questa lontana e positiva esperienza riscontrabile nei suoi paesaggi, nei volti, nelle nature morte. Il segno è forte, deciso, scavante, senza sdolcinature liriche, quasi a voler nobilitare l’ impegno – sia pure non ideologizzato – e la funzione della cultura pittorica non più relegata ad un ruolo meramente estetico e consolatorio, come osservava Elio Vittorini dalle pagine battagliere del Politecnico.
Ma Biagiotti non è rimasto prigioniero di un cliché ripetitivo destinato ad esaurirsi: dalla lezione del passato ha conservato – di qui la sua coerenza i tratti essenziali di una scelta vocazionale, per poi osare (e usare) con lo strumento espressivo, nuove vie, nuovi percorsi in ossequio alla mutevolezza dei tempi e al carattere transeunte e talvolta irrazionale della società di oggi.
Di qui una pittura meno legata alla rigida oggettività, che si stempera in quadri compositivi in cui l’ apprensione di Biagiotti, un certo suo sbigottimento, trovano una ricaduta nella realtà oggettuale.
Così i colori forti, graffianti si addolciscono in tonalità tendenti al grigio, umbratili, con indovinate incursioni della fantasia, di pregnanza surreale.
E un mondo vecchio e nuovo che Biagiotti rivisita con la sua sensibilità di artista desideroso di mantenersi uno e libero ma a fianco dei tanti che sperano in un mondo migliore.

Giovanni Lombardi

Lascia una risposta