431 – Don Milani Un Prete Maestro

Barbiana e la sua scuola, dove la parola fa eguali

GIANCARLO CAROTTI

Fondazione Don Lorenzo Milani

Barbiana fu una scuola speciale, in cui noi ragazzi eravamo e ci sentivamo protagonisti. Nessuna cattedra, nessun voto, nessun giudizio, nessun esame. Nessuno era respinto e tutti erano adatti allo studio. Era una scuola pensata proprio per me, Michele, Agostino, Giancarlo, Silvano, Aldo e per tutti gli altri che poi passarono da quell’aula dopo noi, primi sei. Si studiava 365 giorni l’anno dalle otto di mattina alle otto di era, e ci stava a cuore tutto ciò che nel mondo poteva essere conoscibile, dalla storia e geografia, alla meccanica fino alla pittura, l’astronomia, la politica. Ci interessava capire come funzionavano le cose, come la vita delle persone era organizzata dalle leggi, quali fossero i diritti e i doveri di ognuno di noi, come mai c’erano le ingiustizie sociali, i privilegiati e gli esclusi. E poi c’era don Lorenzo, un grande prete maestro che si è schierato dalla parte dei più fragili della società, ci ha preso per mano e fatto diventare cittadini sovrani a suon di studio, scuola e profonda umanità. lo barbianese doc sono stato un privilegiato a frequentare quella scuola. Questa mostra fotografica è un piccolissimo concentrato di quegli anni animati da don Lorenzo Milani e dalle decine di ragazze e ragazzi che tra il 1956 e il 1968, un anno dopo la morte del priore, hanno studiato lassù. Le fotografie tutte d’epoca e provenienti dall’archivio della FDLM Fondazione Don Lorenzo Milani, sono state riprodotte in digitale e stampate dopo un lavoro di ricerca e valorizzazione. Recuperarle, quasi restaurarle, ci ha permesso di scorrere quel periodo, osservando da vicino il cammino e l’evoluzione di don Milani e la crescita dei suoi scolari. Il percorso fotografico presenta, spaccati di vita quotidiana in quella scuola singolare: le scene delle lezioni, le discussioni sopra l’unico libro, i momenti di vita collettiva, i lavori in laboratorio in cui si imparava facendo. A Barbiana per dodici anni ci fu una «scuola esigente, dagli interessi vasti, dove si approfondiva tutto e dove s’indicava al ragazzo un obiettivo alto: studiare per uscire insieme dai problemi». Insieme, tanto che i più grandi insegnavano ai più piccoli. Don Lorenzo si immerse in quella nuova cultura contadina che trovò su quel monte ne acquisì i valori, e capì che quella gente era chiusa nella classe degli ultimi perché non possedeva quello strumento con cui si gestiscono i rapporti con gli altri: la parola. Chi non sa parlare rischia di diventare pigro anche sul pensiero. Smette di farsi domande e di conseguenza smette di reagire. Per questo era consapevole che solo armati di istruzione e dominando la parola, i ragazzi di montagna potevano non essere respinti nei campi e nella fabbriche, ma avrebbero avuto gli strumenti per l’eguaglianza sociale che permette di scegliere. Questo l’obiettivo della scuola di Barbiana: rendere i cittadini, tutti i cittadini, sovrani, farli uscire insieme dalla categoria dei vinti, con la forza di chi va nel mondo da potagonista senza temere confronti con chi proviene da classi più agiate.

Invito Inaugurazione

Don Milani-CS-2

Don Milani-CS-2b

Don Milani-CS-3

Don Milani-CS-4

Don Milani-CS-5

Don Milani-CS-6

Don Milani-CS-7

Don Milani-CS-8

Don Milani-CS-9

Don Milani-CS-10

Don Milani-CS-11

 

I commenti sono chiusi