399 – Simonetta Fontani

 “Specchio della femminilita’”

 

Inaugurazione – domenica 06 febbraio 2011

ore 10.30 – La Soffitta Spazio delle Arti / piazza Rapisardi 6

06 febbraio 2011 – 23 febbraio 2011

Nel realismo con introspezione Quella di Simonetta Fontani è una pittura che si inscrive a buon diritto nel solco della miglior tradizione figurativa toscana, costruita ed educata sull’esercizio del disegno e sullo studio dal vero dei suoi modelli. Altrettanto potremmo dire dello svolgimento tecnico, approfondito e nutrito sperimentando i diversi esiti della materia pittorica, l’olio, l’acquerello, la tempera all’uovo. Da queste solide basi emerge l’artista che va oltre i valori di superficie e coniuga la sua attenzione al realismo con un’introspezione di carattere simbolista. Alla bellezza e luminosità dei nudi si contrappongono fondali spesso bui, agitati da elementi di una narrazione che tocca anche i toni delle connessioni inconsce. Una pittura che predilige i contrasti forti anche nella tavolozza per accentuare quella che appare quasi una sorta di smarrimento della figura in rapporto al suo spazio scenico e a trasmettere dunque una sottile inquietudine. I suoi temi ci inducono a riflessioni sul disagio esistenziale anche se i loro protagonisti “indossano” la disinvolta nudità di un corpo giovane esaltando l’armonia e la plasticità delle forme ma, di fatto, piegandone la versatilità ad interpretare nella tensione fisica di prospettive spesso coraggiose quella psicologica di equilibri spesso difficili. Di rado l’artista si concede divagazioni su pose accattivanti, venate magari di elegante erotismo o sull’esplicito ritratto del vero e comunque c’è sempre di fondo una peculiare intensità espressiva che si rafforza nel costante gioco di opposizioni luce-ombra, corporeo-mentale, presenza-assenza, come il tempo dei suoi racconti scisso tra l’oggi/concreto e la memoria/immaginario, probabilmente sospeso verso una ipotesi di conciliazione fra essere e apparire.

Roberta Fiorini da Eco d’arte moderna n. /52

Simonetta Fontani, nata a Firenze, vive e lavora a Prato. Sue opere sono in permanenza alla Galleria del Candelaio di Firenze. Ha realizzato il frontone del Teatro di Capalle e suoi lavori sono nella Pinacoteca del Comune di Soliera, nella Chiesa S. Maria dell’Assunta a Scopoli, nel Comune di Capraia e Umite, nel Comune di Pontassieve, nel Comune di CamPi Bisenzio e nella Chiesa di S. Martino a Prato. Dal 2001 ottiene riconoscimenti al “Premio Italia per le Arti Visive “, nel 2004 il “Premio del Comune di Capraia e Limite “, nel 2005 e nel 2009 lo copertina della rivista Eco d’arte moderna e dal 2002 al “Premio Firenze” (nel 2004 medaglia di bronzo, nel 2005 “Fiorino d’argento”, nel 2006 “Fiorino d’oro”). Dal 2002 espone alla Fiera “Immagina” a Reggio Emilia e dal 2008 alla Fiera di Longarone. Intensa l’attività degli ultimi anni della quale ricordiamo gli avvenimenti di maggior rilievo. Nel 2005 ha allestito personali a Firenze, a Prato, al Seminario Vescovile a Fiesole, a Figline Valdarno, alla Galleria Comunale a Piombino, a Torre Strozzi a Parlesca (PG), dove è stata selezionata per la VII Biennale. Di rilievo l’invito alla mostra “L’emigrazione italiana”, itinerante in Brasile.
Nel 2006 nuove personali a Firenze, Modena, Livorno, per invito della Provincia aViterbo (Sala Anselmi), nel Comune ad Anzio e tra i premi ottenuti lo “Medaglia d’oro” a Triviero (Biella).
Del 2007 si ricordano le personali nuovamente a Parlesca (PG), Cerbaia, Città di Castello, Livorno, Montecatini Terme, nell’ambito di “L’altro sguardo” nel Palazzo della Loggia a Noale e in Palagio di Parte Guelfa a Firenze. Tra i premi in concorsi, quello a Parlesca (PG) “Arte Sacra”, primo premio. Realizza inoltre un’opera per “Venetia Arte” nel bicentenario della morte di Garibaldi.
Del 2008 sono le personali all’Ex Fornace Pasquinucci a Capraia Fiorentina e alla Biblioteca Comunale a Pontassieve, la mostra a Bratislava, “Proiezioni Arte Il Millennio” in Palazzo Thun a Trento e la Fiera a Minsk in Bielorussia. Di rilievo l’opera realizzata per le Olimpiadi ed esposta a “Casa Italia” a Pechino (ora nella collezione del C.O.N.I.). Nel 2009 ha allestito personali ad Arezzo, Marmirolo, Campi Bisenzio, alla Galleria del Candelaio a Firenze, al Palazzo Ghibellino di Empoli, al Palazzo Pretorio di Buggiano Castello, ha esposto alla Fiera di Forli’ e al Palazzo del Fiorino di Greve in Chianti. Si ricordano inoltre gli inviti al workshop “ArtColony” a Rab in Croazia e l’opera a tema sacro realizzata per lo chiesa di Rembebe in Brasile.
Il 2010 è caratterizzato da numerose personali con il patrocinio del Comune a Lastra a Signa, Pontassieve, Soflgnano, Vaiano, Luicciana, Campi Bisenzio, Desenzano del Garda, Viterbo, nella Galleria di Daniela Corallo a Camogli, al Circolo Ufficiali dell’Esercito di Verona. Si ricordano inoltre la Fiera Artexpo a Pisa, lo mostra a Villa Bertelli a Forte dei Marmi, “Artisti sotto i portici” a Bologna, al Centro Congressi di Bratislava. Di rilievo gli inviti ad esporre un’opera a “Casa Italia” in occasione dei Giochi Olimpici invernali a Vancouver in Canada (anch’essa nella collezione del C.O.N.I.) e nella rassegna “Colori e profumi della Toscana” in Scozia.

Al XXVIII “Premio Firenze” ha ottenuto il “Premio del Presidente della Giuria”.

Simonetta Fontani

Via dell’Alloro 1/31 -59100 Prato -Tel. 0574.541.460 -CelI. 389.154.6666 www.simonettafontani.it-simo52@libero.it

 

Lascia una risposta